giovedì 30 dicembre 2010

presepi



Il presepe in Sicilia ha una lunga storia legata alla ricca tradizione dell'arte e dell'artigianato locali del XV secolo, quando scultori famosi del calibro di Francesco Laurana e Antonello Gagini si cimentarono nella creazione di statuine, diffondendo l'arte del presepe nell'isola.
L'arte presepiale in Sicilia anche se ha molte caratteristiche in comune con l'arte presepiale napoletana per quanto riguarda la costruzione e la tecnica, si differenzia per caratteri originali variabili a seconda delle provenienze geografiche: Palermo, Siracusa, Trapani e Caltagirone.

A palermo si distinguono i 'bambinai' , artisti che fin dal '600 usavano la cera per realizzare statuine di Gesù Bambino e poi interi presepi nella zona della chiesa di San Domenico. Tra i maggiori artisti 'pasturari' ricordiamo Giulio Gaetano Zumbo , Giovanni Rosselli, Anna Fortino, Anna La Farina e Giacomo Serpotta.

I presepi, dal lontano 800, vengono posti in bacheche di vetro chiamate le Scaffalate.

A Trapani per la costruzione del presepe si utilizzano materiali come il corallo , da solo o insieme all'avorio, alla madreperla, all'osso, all'alabastro e alle conchiglie.